Parco Nazionale d’Abruzzo

Cuore verde e pulsante

L’Abruzzo è una delle regioni italiane che più si è interessata alla tutela del vasto patrimonio naturale presente al suo interno, tanto che più del 30% del suo territorio è area protetta con speciali leggi tutelative. Il Parco nazionale è una delle perle più preziose del territorio, gestito attraverso un modello che tutela flora e fauna al suo interno e stimalo l’ecoturismo, che ama particolarmente le zone ricche di attrazioni naturali e storia.

I monti che formano il Parco nazionale si ergono oltre che in territorio abruzzese, anche molisano e laziale, ma il punto di partenza e cuore del Parco si trova a Pescasseroli, in cui è presente il Centro Natura, info point in cui ricevere tutte le informazioni utili e visitare il museo naturalistico e il giardino faunistico in cui osservare la fauna tipica del parco.

Un tempo c’era il mare…

Il Parco Nazionale d’Abruzzo è famoso per i suoi monti, le sue gole e le valli, ma molto tempo fa, nel periodo Terziario della preistoria, in quelle valli si estendeva il mare. Per questo si possono ritrovare nel territorio depositi calcarei formati grazie ad alghe e altri fossili marini. La sedimentazione delle rocce è stratificata, per questo studiosi e ricercatori hanno potuto ripercorrere le tappe e l’orogenesi del territorio.

E l’acqua ancora incanta

Tracce dell’antico passato sono ancora presenti nel territorio del Parco nazionale, e sono proprio questi antichi trascorsi a lasciare senza fiato i visitatori. Le gole presenti in tutta la zona sono una creazione del fenomeno erosivo dell’acqua, sia sotto forma di pioggia che dei fiumi, come si può ammirare nel punto in cui il fiume Sangro sfocia nel lago di Barrea.
Fenomeni carsici di ampia portata e lo scioglimento dei ghiacci contribuiscono a creare interessanti oasi, come quella del lago Vivo, che muta la sua portata con il variare delle stagioni.

Escursioni fra natura e cultura

Non esiste un unico punto di vista, un solo sentiero per percorrere e scoprire il Parco Nazionale d’Abruzzo. Ci sono percorsi che privilegiano gli aspetti prettamente ambientali, e scorrono fra monti e valli di rara bellezza, ma anche sentieri che conducono ai borghi più antichi, come quello di Scanno, in cui la vita pastorale e gli antichi mestieri ancora affascinano.

CONTATTI RAPIDI

Chiama

Preventivo

Whatsapp

Messaggi

Messanger